Protestano gli avvocati e professionisti esclusi dal bonus di maggio

Esclusi dal bonus del mese di maggio ed esclusi da coloro che avrebbero potuto beneficiare degli aiuti a fondo perduto: queste le motivazioni che hanno elevato una protesta da parte di avvocati e professionisti che si sono visti estromessi dagli “incentivi”.

Confprofessioni, il CUP ed altre associazioni hanno inviato avvisi ufficiali al Governo attraverso i quali i professionisti fanno presente il loro sentirsi emarginati. Gli avvocati ricordano, infatti, che l’attività forense è stata ferma per l’emergenza Covid19 fino al giorno 11 maggio e che le udienze, fatte eccezioni per casi particolari, avranno slittamento direttamente nei mesi autunnali. Se l’attività dei professionisti ha vissuto, nel mese di aprile, dei cali superiori ad un terzo del fatturato rispetto allo stesso mese dell’anno precedente ha di conseguenza lo stesso diritto approvato ad un lavoratore autonomo che vive l’identico disagio.

“Ci batteremo per modificare questa norma e affinché ci sia un’equiparazione tra le misure per le imprese e quella per i professionisti. Gli Ordini e i Collegi professionali chiedono al Governo un intervento per sanare questa evidente disparità di trattamento”. Questo il testo scritto nel comunicato ufficiale diffuso dal CUP.

Potrebbe interessarti

Avvocato Francesco Sbordone

Con l’Avvocato Francesco Sbordone parliamo del post Covid-19

Siamo in compagnia dell’ Avvocato Francesco Sbordone, nonché Professore Ordinario di Diritto Privato, che ringrazio …

Legge

Sciopero degli Avvocati: corteo funebre per la giustizia italiana

Gli avvocati scendono in piazza affinché si possa ottenere una ripartenza della Giustizia in maniera …

Legge

Giustizia Sospesa: flash mob degli avvocati

Alle ore 12.00, di venerdì 29 maggio gli avvocati di tutta Italia sono scesi in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *